Progetto Oliv-Get

Valorizzazione delle risorse genetiche dell’olivo e introduzione di nuove tecniche a basso impatto ambientale nell’areale della DOP di Cartoceto.

PSR Marche 2014/2020 – Misura 16.1 – Sostegno per la costituzione e la gestione dei gruppi operativi del PEI in materia di produttività e sostenibilità dell’agricoltura

 

SINTESI DELLA PROPOSTA PROGETTUALE

Abstract in italiano

Finalità del progetto Oliv-get è l’empowerment della produzione olivicola della collina marchingiana attraverso azioni pilota clibrate nell’areale di Cartoceto DOP. L’obiettivo sarà perseguito attraverso l’introduzione di innovazioni focalizzate sull’aumento della resa, sulla qualità della produzione e sulla sostenibilità ecologica ed economica. Il progetto promuoverà la propagazione certificata della cultivar Raggiola. La cultivar è alla base della produzione DOP ed, in quanto germoplasma localmente selezionato, è particolarmente adattata alle condizioni ambientali specifiche; tuttavia nessun materiale genetico certificato è attualmente disponibile per questa cultivar. Partendo da piantine di alta qualità, il progetto supporterà impianti razionali suggerendo soluzioni a più alta densità. Le innovazioni tecniche saranno applicate nella gestione di impianti sia nuovi e che tradizionali e degli alberi monumentali. Strumenti di rilevamento dedicati e georeferenziati saranno forniti agli agricoltori come supporto alle decisioni. Il controllo di patogeni e parassiti, l’irrigazione, la nutrizione e l’epoca di raccolta saranno tutti calibrati di conseguenza, riducendo così l’impatto economico e ambientale della cultura e massimizzando la tempestività e l’efficacia dell’intervento.

Il supporto tecnologico nella definizione dell’epoca di raccolta aumenterà la qualità dell’olio, rafforzando così il valore della DOP. L’analisi della qualità dell’olio sarà inoltre adottata come indicatore di punti deboli nella catena di produzione, stabilendo così un approccio ricorsivo positivo. Il progetto si concentrerà inoltre sulla formazione tecnica di professionisti che garantiranno la persistenza e la promozione delle innovazioni proposte e rappresenterà la nuova generazione di tecnici necessari per il ricambio generazionale.

English abstract
Oliv-get aims to the empowerment of olive production in hilly region of Mrache, throughout demonstrative experiences set in the Cartoceto DOP area. The goal is the introduction of innovations focused on increasing yield, production quality, and their ecological and economical sustainability. The project will promote the certified propagation of the cultivar Raggiola. The cultivar, as local germplasm, is highly adapted to local condition and is pivotal for the DOP production; nevertheless no certified genetic material is currently available for this cultivar. Starting from high quality seedlings, the project will support a rational orchard design by suggesting higher density solutions. Innovations will be applied in management either of new and traditional orchards and in monumental trees. Dedicated sensing instruments and local referencing will be provided to farmers as decision making tools. Pest control, irrigation, nutrition and harvest time will all be calibrated accordingly, thus reducing economic and environmental impact of the culture and maximizing intervention timeliness and effectiveness.

The technological support in harvest time definition will increase oil quality thus strengthening the value of the DOP. Oil quality analysis will also be adopted as indicator for weak points in the production chain thus setting a positive recursive approach. The project will also focus on the technical training of professionals that will ensure the persisting and the promotion of the innovations proposed, and will represent the new generation of technicians needed for generational turnover.

SCARICA SCHEDA PROGETTO

 

 

PARTNER

 

Capofila:

CONSORZIO DI TUTELA E VALORIZZAZIONE DELL’OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA CARTOCETO

www.oliocartocetodop.it
Punto di riferimento e d’innovazione per numerose aziende del territorio, il Consorzio, capofila del progetto, opera per mantenere gli standard produttivi e di promozione e per stimolare lo spirito imprenditoriale dei propri soci.


 

Comuni:

COMUNE DI CARTOCETO

www.comune.cartoceto.pu.it
L’amministrazione comunale di Cartoceto da anni supporta le attività di divulgazione ed animazione connesse alla produzione di olio DOP. In particolare contribuisce alla promozione sul territorio dell’olivo e dell’olio locale con un approccio culturale.
 

COMUNE DI VALLEFOGLIA

www.comune.vallefoglia.pu.it
Il comune di Vallefoglia vede sul proprio territorio numerose aziende potenzialmente interessate ad un ampliamento dell’aerale della DOP.
 


 

Università, scuole ed enti di ricerca:

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE ALIMENTARI ED AMBIENTALI DELL’UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE (D3A)

Il Dipartimento possiede una pluriennale esperienza nella gestione delle problematiche connesse all’arboricoltura ed all’olivicoltura in particolare, focalizzandosi sull’ottimizzazione delle pratiche vivaistiche di numerose specie arboree.
 

CENTRO DI RICERCA E SERVIZIO SMART FARMING” (SFARM)

Il Centro nasce per rispondere alla crescente importanza che l’acquisizione e l’elaborazione automatizzata di dati ottenuti attraverso strumenti propri della Geomatica, della ICT e della Robotica stanno assumendo in ambito agricolo e forestale, sia nella ricerca sia nello sviluppo di applicazioni.
 

AGRONICA GROUP SRL

www.agronica.it
Agronica è una realtà di eccellenza nello sviluppo di soluzioni software per il comparto agroalimentare. La sua missione è quella di produrre e trasferire soluzioni specifiche con dedizione esclusiva al settore.
 

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE “A. CECCHI”

www.iiscecchi.edu.it
L’Istituto offre formazione ad un bacino molto ampio di studenti coniugando la trasmissione di competenze con una numerosa serie di attività in campo presso le strutture della scuola e numerose aziende del territorio. L’indirizzo “Agraria, Agroalimentare, Agroindustria” è finalizzato all’acquisizione, per il settore agrario integrato, di un complesso di competenze.
 


 

Aziende agricole partner:

“FRANTOIO DELLA ROCCA” DI BELTRAMI & C. S.N.C.

www.gastronomiabeltrami.com
Socia del consorzio, l’azienda fonda la sua attività sulla produzione e valorizzazione di una produzione di elevata qualità, sostenibile ed in un rapporto di armonia virtuosa con l’ambiente circostante.
 

AZIENDA AGRARIA DELL’ISTITUTO AGRARIO “A. CECCHI”

www.iiscecchi.edu.it
All’interno del Parco Naturale San Bartolo, su una superficie agricola di circa 25 ettari, l’Azienda agraria costituisce per i diplomandi Periti Agrari e Agrotecnici, il più ampio “laboratorio didattico” dell’Istituto.
 

SOC. AGR. “IL CONVENTINO DI MONTECICCARDO” SAS DI MARCANTONI MATTIA

www.conventinomonteciccardo.bio
La tenuta si estende per un’area di 60 ettari di cui 15 coltivati ad uliveti. L’azienda produce vino e soprattutto olio di altissima qualità, commercializzati come eccellenza su scala internazionale.
 

SOCIETÀ AGRICOLA “LUVIA” DI PERUGINI LORENA & C. S.S.

L’azienda, pur non essendo consorziata, appartiene all’areale interessato e possiede già oliveti tradizionali in piena produzione, cui si aggiungerà il campo pilota gestito con tecniche razionali.
 

SOC. AGRICOLA “LACRIMA VERDE” S.S.

www.lacrimaverde.it
Questa giovane realtà aziendale, si sviluppa su oltre venti ettari di collina arborata. Negli ultimi due anni l’azienda ha impiantato oltre 5 ettari diRaggiola con l’obiettivo di produrre in futuro un olio monovarietale.
 

SOCIETÀ AGRICOLA “SANT’IRENE” S.S.

Azienda di grande storia e tradizione, possiede un uliveto 1.80 ettari con circa 300 piante dalla produzione media 40 ql/ha. Un parco macchine completo e moderno, un impianto di irrigazione ed un impianto fotovoltaico.
 


 

Altri partner:

INVESTMENTS & SERVICES S.R.L.

Soggetto accreditato dalla Regione Marche per elaborare piani d’azione per il miglioramento economico delle aziende, per il sostegno delle tematiche ambientali e dello sviluppo rurale.
 

ACCORDO AGROAMBIENTALE D’AREA PER LA TUTELA DELLE ACQUE

Gli Accordi Agroambientali d’Area hanno lo scopo di coinvolgere ed aggregare intorno alla tutela delle acque dall’inquinamento determinato dall’attività agricola, un insieme di soggetti pubblici e privati nell’ambito di un progetto territoriale condiviso.